.
Annunci online

il cinismo della realtà
18 aprile 2006
Jean-Michel Basquiat
"Things are very confusing at this point". Parola di Samo, alias Basquiat. Meteora scintillante, ribelle e rovinosa degli anni Ottanta. La biografia che gli ha dedicato - Phoebe Hoban, BASQUIAT. VITA LUCENTE DI UN GENIO DELL'ARTE, Castelvecchi, 2006, pp. 468, € 22,00, traduzione di Tiziana Lo Porto - non poteva che incominciare dalla fine, da quel venerdì 12 agosto 1988 in cui Jean-Michel poco più che ventisettenne venne ritrovato riverso a terra in fin di vita per un cocktail micidiale di droghe. In pochi anni aveva bruciato un patrimonio di energie spericolate, evaporato a furia di eccessi. Di droghe, sesso, limousine, e fantasmi. La storia della vita di Basquiat non è certo un mistero. Un'infanzia difficile, oscurata dalla separazione dei genitori e dall'ombra della violenza famigliare, la fuga da casa ancora adolescente, il precoce abuso di droghe, e un'incontenibile furia creatrice e voglia di affermazione. Basquiat, con la sua presenza magnetica, è stato il primo nero a varcare il muro invisibile e implacabile del mercato dell'arte negli anni euforici del reaganismo; è l'artista che celebrava "la regalità, la strada, l'eroismo" come fossero una cosa sola, e che si inventò una provenienza di strada per affermarsi in un battibaleno nelle massime gallerie newyorkesi, cavalcando il sodalizio con Andy Warhol; l'eterno e indomito bambino dai capelli sparati in testa che perseguì testardamente il successo e lo raggiunse in maniera fulminea. Accadde nel 1981, in occasione della mostra "New York/New Wave" allestita al PS1 da Diego Cortez, che raccolse un repertorio di 1.600 opere di 119 artisti "neo pop", espressione visiva di una cultura punk che - per dirla con Hoban - era manifestazione di una "consapevole e svergognata voglia di godersela, anarchia senza ideali, lavoro senza fatica". Un contesto kitsch in cui l'opera di Basquiat spiccava al punto da conquistarsi immediatamente l'interesse di critici, galleristi, collezionisti. La storia di Basquiat, del resto è stata ripercorsa e celebrata ancora recentemente attraverso il film di Julian Schnabel, immortalandone - se mai ce ne fosse stato ancora bisogno - il mito, anche presso le generazioni più giovani. Cosa aggiunge, dunque, la biografia "non autorizzata" né dal padre Gerard né dagli eredi di Basquiat, stilata da Phoebe Hoban? Il libro, oltre quattrocento pagine spumeggianti di aneddoti, è il frutto di una capillare, sistematica presa in esame di tutte le fonti possibili: la vita dell'artista si rifrange sulle innumerevoli testimonianze, le voci, i commenti, i ricordi di amici, amanti, collezionisti, critici, parenti, galleristi minuziosamente riportati e comparati. E' un ritratto a collage, come fosse impossibile mettere a fuoco per intero l'identità sfuggente di un artista che ha tante volte ossessivamente rappresentato se stesso, quasi l'iterazione fosse un modo per darvi consistenza e stabilità. Hoban raccoglie le schegge sparse di Basquiat, dalle quali la figura dell'artista emerge come un ragazzino spregiudicato, geniale, volubile, instabile, incapace di fedeltà, preso da innamoramenti improvvisi presto bruscamente abbandonati, e poi ripresi, insaziabilmente proteso in avanti a voler colmare col baccano degli affetti, dei colori, delle droghe e della musica la voragine del vuoto interiore. Operazione angosciosamente destinata al fallimento, come le teste scarnificate tante volte ritratte. Proprio lo sperpero di eccentricità e di successo di Basquiat era funzionale a un decennio in cui "la retorica di Reagan sguinzagliò la più grande celebrazione della ricchezza - ricchezza come virtù, come bene in sé - che il Paese avesse mai sperimentato in tutto il Ventesimo secolo", come ebbe a scrivere John Taylor in THE CIRCUIT OF AMBITION (1989, ripreso da Hoban). In anni in cui si riversarono nel mercato dell'arte miliardi di dollari di un'economia in ripresa che trovava qui occasione di investimento e di mondanità, Basquiat rappresentò la stella perfetta. Ma al di là del grande rumore dello star system e delle sue idiosincrasie, al di là della retorica sul razzismo, sul materialismo, sul capitalismo, sulla mortalità, sulla cultura pop, c'è il punto fermo di un talento che resiste al tempo, alle battaglie legali che fecero seguito alla morte dell'artista, alle mitologie che ne accompagnarono la parabola come una di quelle corone spesso raffigurate. Un talento che venne riconosciuto fin dai suoi primi disegni di bambino, e che oggi ci sorprende in particolare per una sua qualità (come osserva giustamente Hoban, che alla produzione artistica di Basquiat dedica essenzialmente solo l'ultimo capitolo): la modalità di lavoro onnivora, frammentaria e ricombinatoria, entrata solo in anni recenti a far parte di un linguaggio comune. Un continuo remix di parole e di simboli (come quelli "hobo", sorta di alfabeto visivo usato dai viandanti neri per strada per comunicare), di immagini colte o popolari riciclate, nonché il gusto per lo slittamento di senso che questo processo può generare. [...] Chiara Somajni



permalink | inviato da il 18/4/2006 alle 23:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 390233 volte

Diogene
è un'invenzione di
Raffaele GAZERRO

Questo non è un "blog". E' peggio. Si tratta di un BLOG NOTES.
Qui "schiaffo" citazioni, idee, spunti, note, giravolte e finzioni che mi paiono utili. Forse potranno esserlo anche per qualcun altro. Ma non vorrei sopravvalutarmi...

Attualità

Isoliamo i fanatici
ovvero
L'altro Islam

Editoriali

Il Paese di merda
di Giuseppe Genna
L'onnipotenza che ci fa paura
di Claudio Magris
Un blog in ogni casa
di Ian Buruma
La Storia come davvero è andata
di Umberto Eco
Le ragioni del cuore
di Maurizio Viroli
Produrre futuro creativo
di Domenico De Masi
Petrolio - tutto sommato - a buon prezzo
di Marzio Galeotti
L'Onu è per l'open source
E tassare i ricchi?
di Guglielmo Epifani
L'ottimismo è il profumo della vita
Quando l'ispirazione non dispéra
di diogene
What is Blog?
by Arsenico
Il blog è così inutile che risulta indispensabile
di Reponser

Le mie teorie:

"L'eccesso di calcoli
fa saltare tutti i piani"

"La cosa più incredibile è che ciò che a me sta tanto a cuore,
a un altro nun 'je po' fregà de meno..."

"Fondamentalmente ascolto tutti, per non dar retta a nessuno"

"Ci sono sconfitte che si rivelano vittorie ineguagliabili"

"Non posso comprendere l'incomprensibile né è necessario che lo faccia"

"Aiutati che Dio NON ti aiuta"

Sto ascoltando:
"How To Become Clairvoyant"
Robbie Robertson

Sto leggendo:
STORIA DELLA MIA GENTE
di Edoardo Nesi

I miei miti:
Alberto ARBASINO
Massimo BUCCHI

Truman CAPOTE


"Come se non bastassero i nostri privati, personali, numerosissimi motivi di vergogna, ci vogliamo anche responsabili della storia, attori di storia, parte di qualche grandiosa imbecillità storica"
Guido Ceronetti

"La più grande ricchezza risiede nella diversità degli occhi che guardano il mondo, nella quantità di mondi che il mondo contiene"
Eduardo Galeano

La Commedia continua

"C'è troppa vigliaccheria, troppa paura, non si somministra la morfina ad un malato terminale che soffre per timore che diventi dipendente. Una logica aberrante. Così il dolore diventa un castigo divino che la persona deve accettare, magari serenamente. Questo è il frutto di una classe politica che è succube della Chiesa e alleata con una destra antiscientifica e arrogante. Rivendico il diritto ad essere atea e a ribadire che la vita è nostra, non un dono di Dio"
Margherita Hack

"Dovremo dare testimonianza di poter stare insieme. Altrimenti non stupiamoci se arriverà qualche Costantino con la bandana che possa sedurre il Paese privo di speranze"
Massimo D'Alema

"Ritiriamo le truppe dall'Iraq. Collochiamole dove si offre un rendimento più alto"
Massimo Bucchi

"Sovversivi non si nasce, si diventa"
diogene

"Sono ottimista. Il bicchiere lo vedo mezzo pieno. Di merda"
Altan

"La politica non ce la fa più a riportare ordine in questo mondo"
Massimo Cacciari

"Il punto è che è tanto più facile immaginare d'essere felici all'ombra di un potere ripugnante che pensare di doverci morire"
Giovanni Raboni

"Smettere di affidare la gestione del mondo alla forza"
Giorgio Bocca

"Nessuno è più di nessuno, ovunque"
Limbranauta

"Riconoscere la misericordia in un Dio che da milioni di anni assisteva a massacri e a torture, e che aveva alla lettera edificato tutto un mondo sul principio della violenza e dell'assassinio, era una cosa che il mio senso della giustizia mi vietava"
Isaac Bashevis Singer