.
Annunci online

il cinismo della realtà
25 dicembre 2006
Gaudenti e disperati
Un'umanità gaudente e disperata,
prima si sposava
poi si è divorziata.
Ma se son gaudenti
perché dovrebbero disperarsi?
Forse per provare l'emozione
di tornare a gioire
per poi alternativamente
e successivamente disintegrarsi?
Ma se fosse solo l'insulso
e intrigante gioco della vita
che prima t'infervora
e poi ti avvita e svita?
D'altronde senza stole e paramenti
l'aveva detto tempo addietro
urlandolo ai quattro venti
il rockettaro Vasco Rossi:
"Voglio una vita esagerata"
che mi sembri una piazzata
perché se tutto fila regolarmente
che punti a fare la sveglia?
Per niente?



permalink | inviato da il 25/12/2006 alle 23:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
4 agosto 2006
Ostreopsis
In realtà sei anche "ovata",
sei pure micro,
eterea, avvolgente, trasparente.
Il rinfresco dell'aria - però -
ti ha già eclissato
troppo anticipatamente
dalle prime pagine?

Come una divinità non facile,
troppo avida di caldo e luce,
amante di fondo e profondo,

golosa e morbosa
di azoto e fosforo,
che sembrano cosa buona
ma colludono con liquidi
miasmatici, osceni e segreti

fino a produrre fioritura
che diviene morte e sepoltura
per piccoli pesci

ma anche per "pesci" più grandi:
talvolta umani, altre disumani
e ancor più autenticamente
untuosi.

Forse non ci sei più Ostreopsis
e già mi manchi,
come il brivido delle vertigini,
le febbri elevate e sanguigne,
quella adrenalinica
dilatazione delle pupille,
la tosse, il respiro difficile
e a volte quelle contrazioni
fredde, improvvise e elicoidali.

Dicono che senza di te si
stia meglio,
ma a me già
manchi.
Attrazione caustica.



permalink | inviato da il 4/8/2006 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
9 agosto 2005
Un sacco da fare, oggi
E insomma,
c'è lo Shutte da far partire,
rimettere in moto
il mercato delle indulgenze,
da ritrovare settantenni dispersi
- sì, d'accordo, giocavano
a nascondino, ok -
ma non avevano pure l'Alzheimer?

E a tutti quei clandestini
da espellere in massa, chi provvede?
E quei "poveri" gay che, adesso
devono subire anche l'onta
del matrimonio come fosse un progresso?
Altro che pigliarlo in saccoccia...

E il tempo per sbirciare la Pierelli
graziosa e scemina-furba
al punto giusto per la prima pagina?
E pure basta col criticare sempre
le Tv e i giornali pieni di donne nude,
perché i kamikaze mascherati
sono meglio?

E star dietro alla "battaglia di Via Solferino",
con possibili trend buy per telecomunicaz.
più o meno vigilate e intercettabili?

E diciamo la verità,
non quella di Tonini
che è sempre la stessa,
in questa estate 2005
ti senti più imprenditore
o più palazzinaro?
La risposta giusta è
su Riza Psicosomatica
dello scorso anno.

E se le stelle stanno a guardare,
la Consob che fa,
continua a sbadigliare?

Oltretutto pare si sfracellino al suolo
(le stelle - la Consob è immobile)
come sfere di metallo,
nel momento in cui il
petrolio è ai massimi,

e allora com'è che
se i soldi non ci stanno,
neppure restano?

C'è qualcosa che non quadra,
ha ragione
Standard & Poor's,
ma dice che non è ancora
tempo da pre-occuparsi,
nel dubbio preferiscono
stare senza far gnente.



permalink | inviato da il 9/8/2005 alle 22:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
28 luglio 2005
Esistenziale estiva
Se il Genoa fosse ancora in serie A
vivremmo meglio?
Se Carraro lo condannassimo
a fare il sindaco di Roma a vita,
per fare in modo che il campionato
di calcio lo giochi chi fa più punti
in classifica?
Se la Chiesa ascoltasse invece
di insegnare sempre,
se la parola afa venisse
bandita dalle previsioni del tempo,
se ci preoccupassimo meno
del contratto dei metalmeccanici
e più dello stipendio di Bonolis,
se negli zainetti tornassimo
a metterci degli innocui pennarelli,
se la bellezza femminile ci ingentilisse
invece di volgarizzarci,
se l'arbitro non si tramutasse
in Fazioso,
se Pasolini ci fosse ancora,
se l'alga si prendesse chi dico io,
se stanotte il buio ci accecasse,
se l'amore ci toccasse
ancora il cuore,

non farebbe un po' meno caldo?



permalink | inviato da il 28/7/2005 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
9 maggio 2005
Ci metterei la firma
Sarò evanescente
come una sterpaglia
bruciata dal fuoco.

Avrò lo stesso spessore
del nulla sbriciolato.

Imporrò la mia assenza,
come la più eterea
delle compagnie involontarie.

Vivrò come la leggerezza
fino a sparire del tutto,

mi sincronizzerò
con l'infinito
per fuggire indefinitamente.

Scomparirò velocemente,
ma avvisandovi prima
di immergermi nella
scelta finale:

indeciso fino all'ultimo
nell'affidarmi
al cielo o al mare.

Raffaele Gazerro



permalink | inviato da il 9/5/2005 alle 23:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
28 dicembre 2004
Tsunami
Della forza della natura
ci eravamo dimenticati
presi come siamo
dalla forza del denaro
e dai proclami di potere.

Ma l'onda d'urto
del maremoto
non attende i nostri ravvedimenti,
né le nostre pietose bugie.
Ci stacca le coscienze dal collo,
ci stappa dalle nostre capanne
per schiantarci dove meritavamo
da troppo tempo.

Nel dubbio a morire
sono poveri e diseredati.
Dio è grande nella sua generosità
e non guarda in faccia a nessuno.

Per fortuna la videocrazia
sugli schermi al plasma
ingigantisce l'apocalisse
per ridare l'audience
a chi davvero la merita.

Raffaele Gazerro



permalink | inviato da il 28/12/2004 alle 22:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
25 novembre 2004
Oggi è così, domani, non so
Per me il mondo
non sarà mai abbastanza,
un po' come i sogni
che terminano sempre
quando vogliono loro...

Liberiamoci dagli incùbi
sbadigliando per il sonno
perché tanto la ragione
non è più presente a sè stessa.

E allora che sia quel che deve
tanto la vita è più o meno breve.

Raffaele Gazerro



permalink | inviato da il 25/11/2004 alle 23:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
20 novembre 2004
Adesso gli è presa la "fissa"...



permalink | inviato da il 20/11/2004 alle 23:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
14 luglio 2004
Non ora
Dovrei far finta di credere
che il mondo vada verso il meglio?

Dovrei ipotizzare che l'amore
contagerà il resto dei nostri giorni?

Dovrei pensare che la guerra
risulterà prima o poi "demodè"?

Dovrei leggittimamente supporre
che prima o poi la strada si trova?

Forse. Ma ora non posso.

Raffaele Gazerro



permalink | inviato da il 14/7/2004 alle 23:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
16 dicembre 2003
Perché finisce un amore
Sono entrato
nella poesia
della tua mente

per questo
a un certo punto
non ne ho voluto
sapere più niente.

Raffaele Gazerro



permalink | inviato da il 16/12/2003 alle 21:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Diogene
è un'invenzione di
Raffaele GAZERRO

Questo non è un "blog". E' peggio. Si tratta di un BLOG NOTES.
Qui "schiaffo" citazioni, idee, spunti, note, giravolte e finzioni che mi paiono utili. Forse potranno esserlo anche per qualcun altro. Ma non vorrei sopravvalutarmi...

Attualità

Isoliamo i fanatici
ovvero
L'altro Islam

Editoriali

Il Paese di merda
di Giuseppe Genna
L'onnipotenza che ci fa paura
di Claudio Magris
Un blog in ogni casa
di Ian Buruma
La Storia come davvero è andata
di Umberto Eco
Le ragioni del cuore
di Maurizio Viroli
Produrre futuro creativo
di Domenico De Masi
Petrolio - tutto sommato - a buon prezzo
di Marzio Galeotti
L'Onu è per l'open source
E tassare i ricchi?
di Guglielmo Epifani
L'ottimismo è il profumo della vita
Quando l'ispirazione non dispéra
di diogene
What is Blog?
by Arsenico
Il blog è così inutile che risulta indispensabile
di Reponser

Le mie teorie:

"L'eccesso di calcoli
fa saltare tutti i piani"

"La cosa più incredibile è che ciò che a me sta tanto a cuore,
a un altro nun 'je po' fregà de meno..."

"Fondamentalmente ascolto tutti, per non dar retta a nessuno"

"Ci sono sconfitte che si rivelano vittorie ineguagliabili"

"Non posso comprendere l'incomprensibile né è necessario che lo faccia"

"Aiutati che Dio NON ti aiuta"

Sto ascoltando:
"How To Become Clairvoyant"
Robbie Robertson

Sto leggendo:
STORIA DELLA MIA GENTE
di Edoardo Nesi

I miei miti:
Alberto ARBASINO
Massimo BUCCHI

Truman CAPOTE


"Come se non bastassero i nostri privati, personali, numerosissimi motivi di vergogna, ci vogliamo anche responsabili della storia, attori di storia, parte di qualche grandiosa imbecillità storica"
Guido Ceronetti

"La più grande ricchezza risiede nella diversità degli occhi che guardano il mondo, nella quantità di mondi che il mondo contiene"
Eduardo Galeano

La Commedia continua

"C'è troppa vigliaccheria, troppa paura, non si somministra la morfina ad un malato terminale che soffre per timore che diventi dipendente. Una logica aberrante. Così il dolore diventa un castigo divino che la persona deve accettare, magari serenamente. Questo è il frutto di una classe politica che è succube della Chiesa e alleata con una destra antiscientifica e arrogante. Rivendico il diritto ad essere atea e a ribadire che la vita è nostra, non un dono di Dio"
Margherita Hack

"Dovremo dare testimonianza di poter stare insieme. Altrimenti non stupiamoci se arriverà qualche Costantino con la bandana che possa sedurre il Paese privo di speranze"
Massimo D'Alema

"Ritiriamo le truppe dall'Iraq. Collochiamole dove si offre un rendimento più alto"
Massimo Bucchi

"Sovversivi non si nasce, si diventa"
diogene

"Sono ottimista. Il bicchiere lo vedo mezzo pieno. Di merda"
Altan

"La politica non ce la fa più a riportare ordine in questo mondo"
Massimo Cacciari

"Il punto è che è tanto più facile immaginare d'essere felici all'ombra di un potere ripugnante che pensare di doverci morire"
Giovanni Raboni

"Smettere di affidare la gestione del mondo alla forza"
Giorgio Bocca

"Nessuno è più di nessuno, ovunque"
Limbranauta

"Riconoscere la misericordia in un Dio che da milioni di anni assisteva a massacri e a torture, e che aveva alla lettera edificato tutto un mondo sul principio della violenza e dell'assassinio, era una cosa che il mio senso della giustizia mi vietava"
Isaac Bashevis Singer